Agitata su France Musique

frenchmusique

Nella puntata di lunedì 25 settembre su Radio France, i critici Rodolphe Bruneau-Boulmier ed Emilie Munera hanno espresso parole magnifiche in merito ad Agitata, il nuovo album di Accademia Bizantina e Delphine Galou in uscita il 28 settembre e distribuito da Alpha Music.

Ecco alcuni stralci delle recensioni di France Musique:
«Questo disco ci fa capire la ricchezza di questo repertorio sacro, che si avvicina a quello dell’opera e ci pone una domanda: come emozionare in un contesto spirituale? La risposta si trova evidentemente in questi pezzi, per lo più registrati per la prima volta e composti da autori che riscopriamo, come G.B. Brevi. Delphine Galou rende merito a queste musiche meravigliosamente, con la sua voce rotonda, dolce e sensuale, come l’avete sentita nella prima aria (Agitata). Le arie di questo disco, che sono spesso languide ed espressive, permettono alla sua voce di espandersi pienamente, occupando tutti gli spazi sonori. In più, ha la fortuna di essere accompagnata da Ottavio Dantone, specialista di questo repertorio. Il calore del suo ensemble Accademia Bizantina s’accorda pienamente con il timbro soave di questa cantante. Il risultato è perfettamente riuscito.»

Dopo il secondo ascolto della Sinfonia n. 12 di Antonio Caldara 
«Non siamo abituati ad ascoltare un genere di voce così bella e piena di colori. È davvero particolare e fa piacere ascoltare una voce un po’ diversa nel panorama attuale. Abbiamo poche occasioni di ascoltare veri contralti nel mondo barocco di oggi.»

A proposito del video di Agitata infidu flatu 
«Vogliamo segnalare un video che accompagna questo disco, fatto molto bene, con Delphine Galou in giubbotto di cuoio, gli occhi neri di trucco e un gran vestito. È molto moderno ma nel senso buono del termine. Spesso quando i musicisti classici tentano di fare delle cose moderne, o “in”, non funziona e il risultato è spesso démodé e pretenzioso. Non è assolutamente questo caso. In più ci sono tutti i musicisti di Ottavio Dantone ripresi in piedi mentre suonano e questo ci dona qualche cosa di visualmente molto riuscito.»