Rinaldo - Accademia Bizantina - Ottavio Dantone - Pavia
Rinaldo
18 gennaio 2019
20:30
Pavia
Teatro Fraschini
Google Map
Tickets

Rinaldo
dramma per musica in tre atti, di Georg Friedrich Händel

Interpreti:
Delphine Galou – Rinaldo
Francesca Aspromonte – Almirena
Anna Maria Sarra – Armida
Raffaele Pe – Goffredo
Luigi De Donato – Argante
Federico Benetti – Mago Cristiano
Anna Bessi – Donna

Ottavio Dantone – direttore
Jacopo Spirei – regia

ACCADEMIA BIZANTINA:
Alessandro Tampieri – concertmaster
Ana Liz Ojeda, Lisa Ferguson, Mauro Massa, Claudia Combs, Maria Grokhotova, Isabella Bison, Yayoi Masuda – violini
Diego Mecca, Gianni de Rosa – viola
Alessandro Palmeri, Paolo Ballanti – violoncelli
Nicola Dal Maso, Tommaso Bagnati – violone
Elisabeth Baumer, Rei Ishizaka – oboe, flauti a becco
Gregorio Carraro – flautino, flauto traverso, flauto a becco
Jonathan Pia, Manolo Nardi, Matteo Macchia – trombe
Giulia Genini – fagotto
Tiziano Bagnati – liuto
Stefano Demicheli – clavicembalo
Danilo Grassi – timpani


“Al tempo delle Crociate, Goffredo di Buglione, a capo della spedizione cristiana in Terra Santa contro i Saraceni, per ottenere l’aiuto del giovane Rinaldo, valoroso cavaliere Templare, gli promette in sposa la bella figlia Almirena, quando Gerusalemme verrà conquistata. I Cristiani, capeggiati da Rinaldo, occupano la Palestina e assediano il suo re pagano, Argante, a Gerusalemme. La maga Armida, amante di Argante, riesce coi suoi sortilegi ad imprigionare nel suo castello incantato l’innocente Almirena e quindi ad attirare anche Rinaldo, del quale si invaghisce, tentando invano di sedurlo con l’inganno trasformandosi in Almirena. La vicenda si complica quando a sua volta Argante si innamora di Almirena, che lo respinge sdegnata. Dopo innumerevoli difficoltà: Armida che tenta di uccidere Almirena, che viene salvata da Rinaldo, che tenta di uccidere a sua volta Armida, ma che viene salvata dalle Furie… i due giovani finalmente vengono liberati da Goffredo; Rinaldo col suo esercito espugna Gerusalemme, cattura Argante e Armida, convertendoli al cristianesimo (nella seconda versione musicata da Händel i due scenderanno su un carro all’inferno) e infine sposa Almirena.”