Il Barocco Faentino - Ensemble d'Archi Giuseppe Sarti - Libera La Musica
Libera La Musica
Il Barocco Faentino
17 Febbraio 2020
21:00
Bagnacavallo
Teatro Goldoni
Google Map
Tickets

Libera La Musica

IL BAROCCO FAENTINO

Ensemble d’Archi Giuseppe Sarti


20:00 presso ChiribilliAperitivo col musicologo Bernardo Ticci


Programma

Giovanni Lorenzo Gregori (Lucca 1663-1745)

  • Concerto Grosso Op. II Nr. 2 in Re Maggiore per archi e basso continuo
    Allegro, Adagio, Allegro

Paolo Tommaso Alberghi (Faenza, 1715 -1785)

  • Concerto a cinque in re maggiore per violino, archi e b.c. It. 36*
    Maestoso, Adagio, Allegro

Johann Christian Bach (Lipsia 1735 – Londra 1782)

  • Concerto per Fortepiano e archi in mi bemolle maggiore W.C: 59
    Allegro di molto, Andante, Allegro

Arcangelo Corelli (Fusignano, 1653–1713

  • Concerto Grosso in re maggiore Op VI nr. 4
    Adagio -Allegro, Adagio, Vivace, (Giga) Allegro

ENSEMBLE D’ARCHI GIUSEPPE SARTI
“Collegium Ornatum Mundi”

Mº Paolo Zinzani – Direzione e Viola
Caterina Alvisi, Leonardo Bandini, Mirella Bonini, Gilberto Ceranto, Anna Dalmonte, Rosa Giulia Fagnocchi, Maria Malpezzi, Maddalena Maretti, Emma Missiroli, Lucia Patuelli, Chiara Ranzi, Mº Martina Santarelli, Stefano Taroni, Francesco ZangheriViolini
Mº Denis Burioli, Consuelo Castellari, Filippo Lo PiccoloVioloncelli
Mº Tiziano NegrelloContrabbasso
Mº Marco Farolfi, Mirco AsprellaFortepiano e Clavicembalo
Ettore MarchiArciliuto
Mº Damiano Drei, Daniele AmarettiTromboni


L’Ensemble di Archi, creato da Paolo Zinzani all’interno della Scuola di Musica G. Sarti di Faenza, si propone di dar vita ad un gruppo dove la didattica strumentale si sposi con la riproposta del repertorio barocco in modo progressivo e naturale. Gli Allievi che ne fanno parte hanno l’opportunità di presentare al pubblico un ampio repertorio ma di lavorare, allo stesso tempo, alla riproposizione di brani di raro ascolto se non riproposti al pubblico per la prima volta.

Grazie alla sinergia con la classe di Marco Farolfi all’interno della “Sarti” ha preso vita un laboratorio di musica antica che prevede anche il recupero ed il ripristino di partiture dei maggiori autori locali, come Giuseppe Sarti o Paolo Alberghi.

Di quest’ultimo autore, Paolo Zinzani al violino ci proporrà la prima esecuzione moderna di un importante concerto per violino solista ed archi in re maggiore. Completeranno il programma alcune importanti pagine del repertorio barocco di Corelli e Gregori. Un’altra composizione di raro ascolto è il concerto per fortepiano ed archi di Johann Christian Bach Op. 7 nr. 5. che verrà eseguito da Marco Farolfi.


Ensemble d’Archi Giuseppe Sarti

L’ensemble nasce all’interno della Scuola “G.Sarti” di Faenza nel 2011 dall’idea del Prof. Paolo Zinzani, violinista, e del Prof. Denis Burioli, violoncellista, di riscoprire il repertorio barocco, ponendosi come obiettivo quello di imparare a suonare e crescere assieme, con una particolare attenzione alla prassi realizzativa del repertorio scelto.

La formazione è in continuo divenire e oggi conta in tutto una ventina di elementi. Ha inoltre portato avanti un progetto di riscoperta di uno strumento ormai da pochi conosciuto come il fortepiano. Il principale repertorio risulta essere quello Barocco. Il gruppo però ha anche compiuto esperienze musicali differenti partecipando per ben due edizioni a “Fiato al Brasile” e partecipando alla cerimonia di commemorazione del pensatore e musicista faentino Caffarelli.

L’Ensemble d’Archi G. Sarti si è costruito inoltre uno spazio importante all’interno della realtà culturale Manfreda nella realizzazione di eventi culturali quali un paio di Concerti di Natale, che stanno diventando un appuntamento fisso della vita della città. Ha inoltre collaborato con l’Associazione Acquerellisti Faentini, Palazzo Milzetti con il gruppo danze ottocentesche, con il Museo Internazionale delle Ceramiche, con la Associazione Musicale Fattorini. Ha collaborato inoltre con l’importante Coro Jubilate. È stato inserito all’interno della stagione musicale estiva della città di Faenza “In Tempo. Avvicinamenti al Teatro Masini Musica” e ha eseguito un concerto del tutto particolare anche nella suggestiva location della Grotta Cava Marana nelle colline brisighellesi.